Il linguaggio unico del gioco d’azzardo

Gli sviluppatori di giochi avranno un gran bel da fare per programmare i giochi con un linguaggio diverso per ogni piattaforma -iOS, Android, Windows Phone- oppure in un linguaggio che permetta di pubblicare su tutte le piattaforme in un solo colpo (ad esempio Html 5 e Javascript). È chiaro che nel futuro si utilizzeranno sempre di più i linguaggi “universali”e quelli “nativi” verranno utilizzati da una ristretta minoranza, quindi da società grosse che avranno le risorse per finanziare lo sviluppo ottimizzando ogni release a seconda della diversa piattaforma che la ospita. I giochi più complessi, destinati al Pc e alla console, continueranno ad essere realizzati in modo convenzionale. Il gioco del futuro dovrà necessariamente tenere conto della sua diffusione così “a vasto raggio” per merito di smartphone e tablet che si contraddistinguono per la facilità dell’utilizzo dei contenuti.

Quindi, il futuro vedrà un maggiore utilizzo delle App native e dei giochi Htlm 5 -praticamente l’evoluzione dei giochi Flash- che sono giocabili direttamente da fisso e da mobile con un solo click senza scaricare nulla, nessuna applicazione, basta la connessione con internet e sono velocissimi da programmare. Questo permetterà una “smart distribution” che avrà un costo di acquisizione utente bassa rispetto alla distribuzione tradizionale. In ogni caso al di là della piattaforma o dal linguaggio che verrà utilizzato non si dovrà dimenticare che al centro di tutti questi “programmi” ci sono i giochi e presto, anche se si è solo all’inizio, si assisterà all’ascesa delle vere rockstar del futuro: i game developer.